News

Lacrime di Coccodrillo di F.M. Agnoli

Diciamo che al proposito delle lacrime in Tv della gentile ministro del lavoro  Fornero   sono rimasto incerto fra l’opinione  di chi le riteneva autentiche e spontanee e quella di chi l’accusava di sceneggiata televisiva. Incerto, ma tutto sommato, favorevole   all’ipotesi buonista, tanto più che, non  avendo una cipolla sottomano non è facile, nemmeno per un’attrice  consumata, improvvisare  un pianto credibile  Ipotesi buonista condivisa anche, in un articolo del 13 dicembre, pur fortemente critico nei confronti del governo  Monti fin dal titolo “La giunta dei tecnocrati sa dove sta andando o sono completamente fuori controllo?”  da Costanzo Preve, che  non solo ha valutato positivamente  quel pianto, ma vi ha visto il primo segnale di un possibile ravvedimento  dei tecnocrati. Scrive difatti a proposito del ministro scoppiato in pianto, che colloca nel gruppo sociologico  degli intellettuali universitari politicamente corretti, e dei suoi colleghi: “Monti e Draghi, serpenti british senza anima, non lo avrebbero fatto mai. Se il complesso di colpa si intrufola nel gruppo sociale più osceno della storia umana, forse non tutto è ancora perduto. Almeno speriamo”.

Anche se ammiro molto Costanzo Preve e ne apprezzo le analisi sempre particolarmente acute e i conseguenti giudizi, non posso dire di avere del tutto cambiato idea. Il dubbio sulla sincerità delle lacrime resta (soprattutto per la palese assenza delle fette di cipolla), ma accompagnato dall’assoluta certezza della mera occasionalità di un episodio privo di qualunque influenza  sulla serpentesca  politica di un governo senz’anima e senza cuore. Anzi con più di una vena di sadica crudeltà. Forse di disprezzo per quegli anziani cittadini che, come scrive  Marcello Veneziani, “senza un gruzzolo di contanti si sentono perduti. Senza liquidi temono di non poter fronteggiare gli imprevisti della vita, le malattie e l’assistenza, la paga alla badante e la paghetta ai nipoti”. Gente rimasta tanto indietro da  avere  bisogno di quei contanti per un minimo di autonomia e serenità.

Difatti quale altra ragionevole spiegazione trovare al provvedimento che impone agli interessati di percepire non in contanti, ma  a mezzo versamento in un conto corrente bancario che non hanno le pensioni d’importo superiore a  mille euro (nella prima formulazione – poi modificata per dare un contentino  ai 600 emendamenti proposti dalla Lega Nord – addirittura cinquecento).

Semplice crudeltà allo stato puro, perché una pensione  anche di millecinquecento o addirittura  duemila euro nella eurozona in  generale e in Italia in particolare basta appena per sopravvivere o poco più,  e i contanti che restano a fine mese (supposto che qualcosa resti)  non bastano certo per  favorire l’evasione o la formazione di fondi neri. Oppure c’è bisogno di  informare i tecnocrati  (con tutta la loro scienza, dilettanti della politica allo sbaraglio) che i pretesi nullatenenti fiscali non hanno comperato gli yacht da venti metri  e le auto di superlusso con i contanti della pensione?

Contanti o conti correnti e carte di credito la situazione dell’economia nazionale rimane esattamente quella che è. Forse c’è un modesto beneficio  per le Banche.  Senza dubbio queste private istituzioni finanziarie  sono più  care ai ministri tecnici  delle pupille dei loro occhi, ma  un beneficio così modesto sembrerebbe insufficiente  a  giustificare il surplus di crudeltà a danno di anziani  che non hanno mai avuto un conto corrente o usato una carta credito in vita loro (quelli  – i vispi post-moderni settantenni e ottantenni descritti in tanti reportages televisivi – che già avevano scelto per loro conto di averli e di usarli, li conserveranno e non servivano interventi  d’autorità).

Un surplus di crudeltà davvero difficile da accettare da parte di un governo  voluto e benedetto dal presidente Napolitano e che conta nelle proprie fila un  ministro tanto facile alla commozione.  Se ha ragione Costanzo Preve a dare fiducia al  pianto della  professoressa Fornero bisogna chiedersi dov’era e cosa faceva  quando i suoi colleghi “serpenti british” con un gelido e indifferente tratto di penna cancellavano i contanti  per i pensionati da 500 euro in su.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

LA DEMOCRAZIA SOVRANA DI PUTIN. UN MODELLO POLITICO PER I PAESI DELL'UNIONE EUROPEA. di Borgognone Paolo*

Vladimir Vladimirovic Putin, presidente della Federazione russa, è attualmente il politico [...]

SANTA MARTA: “QUELLA PERSECUZIONE ‘EDUCATA’ TRAVESTITA DI MODERNITA' E PROGRESSO”.*

Nella Messa mattutina, il Papa afferma che “le persecuzioni sono pane quotidiano della Chiesa”[...]

SUL PARTITO CATTOLICO. di Francesco Mario Agnoli

Lo riferisce La Croce quotidiana.it., adesso c’è anche un programma, ispirato alla Dottrina soci[...]

LA LEZIONE DI BRUXELLES. di Adolfo Morganti.

A botta calda e fumi ancora in aria. Mentre i canali radio bollono di analisi approssimative e di [...]

CULTURA E POLITICA NEL MONDO MUSULMANO DI OGGI. di Franco Cardini

Altro che “aureo libretto”, come si sarebbe detto una volta. Il libro che vi consiglio di legg[...]

 
febbraio: 2019
L M M G V S D
« gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728