News

Archive del 19 febbraio 2014

A proposito dell’U.n.a.r.. di F.M. Agnoli

Ho già avuto occasione di segnalare ai lettori della “Voce” le esondazioni dell’Unar, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali costituito presso la Presidenza del Consiglio, Dipartimento Pari Opportunità col decreto legislativo n. 215 del 9 luglio 2003. Il decreto mira ad adeguare la legislazione italiana alla direttiva europea 2000/43/CE riguardante “parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica”. Da ultimo l’Unar si occupa invece soprattutto di omosessualità, con interventi nel campo della scuola e dell’informazione. Agli operatori dell’informazione l’Unar ha fatto recapitare “Linee guida per una informazione rispettosa delle persone Lgbt” (note anche come “Decalogo del giornalista”). Nel settore scolastico ha affidato all’ Istituto Beck la preparazione di tre opuscoli intitolati “Insegnare la diversità a scuola” destinati agli insegnanti perché inculchino negli alunni, dalle elementari alle superiori, la cultura del “gender” con avvertimento ai docenti della particolare pericolosità della religione e del ruolo diseducativo, oltre che della famiglia “naturale”, della Chiesa nella società.

Le offese alla religione e alla famiglia hanno spinto alcuni senatori a rivolgere un’interpellanza al Presidente del Consiglio, evidenziando che l’Unar agisce in materia non di sua competenza, ha violato l’obbligo di imparzialità essendosi avvalso della consulenza di un gruppo di lavoro costituito da 29 associazioni che raggruppano gli omosessuali italiani e della collaborazione dell’Istituto Beck, i cui notori pregiudizi antireligiosi “sono stati inseriti nei tre opuscoli con l’ennesima inaccettabile critica al ruolo educativo della famiglia e della morale cristiana”.

A rispondere (con ritardo) è stata il viceministro Maria Cecilia Guerra, che la delega per le Pari Opportunità, evidenziando un fatto di estrema gravità e cioè che il Dipartimento non è mai stato informato dell’iniziativa nonostante che i libri siano stati diffusi nelle scuole sotto l’egida “Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento delle Pari Opportunità”. Per di più anche il Ministero della Pubblica Istruzione è stato tenuto all’oscuro della distribuzione di questo materiale didattico fra gli insegnanti. Il vice ministro ha precisato di avere inflitto al direttore dell’Unar, Marco De Giorgi “una nota formale di demerito”. Leggi il resto di questo articolo »

LA DEMOCRAZIA SOVRANA DI PUTIN. UN MODELLO POLITICO PER I PAESI DELL'UNIONE EUROPEA. di Borgognone Paolo*

Vladimir Vladimirovic Putin, presidente della Federazione russa, è attualmente il politico [...]

SANTA MARTA: “QUELLA PERSECUZIONE ‘EDUCATA’ TRAVESTITA DI MODERNITA' E PROGRESSO”.*

Nella Messa mattutina, il Papa afferma che “le persecuzioni sono pane quotidiano della Chiesa”[...]

SUL PARTITO CATTOLICO. di Francesco Mario Agnoli

Lo riferisce La Croce quotidiana.it., adesso c’è anche un programma, ispirato alla Dottrina soci[...]

LA LEZIONE DI BRUXELLES. di Adolfo Morganti.

A botta calda e fumi ancora in aria. Mentre i canali radio bollono di analisi approssimative e di [...]

CULTURA E POLITICA NEL MONDO MUSULMANO DI OGGI. di Franco Cardini

Altro che “aureo libretto”, come si sarebbe detto una volta. Il libro che vi consiglio di legg[...]

 
febbraio: 2014
L M M G V S D
« gen   mar »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728