San Francesco d’Assisi. di N. Dal Grande

La storia è ricca di grandi uomini e grandi donne; nomi di guerrieri, di poeti, di artisti; nomi di politici, navigatori, inventori: figure impossibili da scordare. Fra questi però spiccano anche anime la cui grandezza non è dovuta a una battaglia vinta o a una scultura realizzata, a un’invenzione o a una scoperta, ma semplicemente alla propria bontà e al proprio cuore. Fra questi un posto speciale spetta di diritto ad uno degli uomini di fede più grandi della storia dell’umanità: San Francesco d’Assisi, canonizzato dalla Chiesa Cattolica il 16 Luglio di otto secoli fa. Questa la sua breve storia.

Nato ad Assisi nel 1182 dal ricco mercante Pietro Bernardone e Pica di Provenza, fu inizialmente battezzato col nome di Giovanni ma, data la provenienza francese della madre e il commercio di “panni franceschi” – cioè fabbricati in Francia – esercitato dal padre, fu comunemente chiamato Francesco da tutta la comunità. Come tutti i giovani di ricca estrazione, Francesco ricevette una buona educazione, partecipando alla vita cittadina fra “scorribande” e giochi con gli amici. Prese parte a un conflitto fra Assisi e Perugia, cadendo prigioniero del nemico dopo la disastrosa sconfitta di Collestrada (1202 ), venendo successivamente riscattato col denaro versato dal padre. Era il 1203.

Ritornato dalla prigionia gravemente malato, il giovane iniziò a provare una profonda crisi morale e religiosa, segnato dall’esperienza della guerra, della prigionia e della malattia; pensò di aderire alla quarta crociata ma, ammalatosi di nuovo e impossibilitato nel muoversi, stando la tradizione, iniziò ad avere alcune visioni mistiche che velocemente lo spinsero a seguire una vita nel segno della rinuncia ai beni terreni in favore di una vita dedicata a Dio e alla carità verso il prossimo; la più nota di queste apparizioni avvenne nella chiesa di San Damiano, dove Francesco avrebbe udito il crocifisso parlargli invitandolo a riparare “[…] la mia casa che, come vedi, è tutta in rovina”. Continue reading