News

Archivio di giugno 2013

Membre statutaire de l’Union paneuropéenne internationale et du Mouvement Européen.Communiqué de « La Fédération »

 

 

 

 

Membre statutaire de l’Union paneuropéenne internationale  et du Mouvement Européen

 

Jeudi 27 juin 2013

« Le gouvernement français est sorti de son rôle en réprimant La Manif Pour Tous »

Des millions de Français se sont mobilisés pacifiquement pour refuser le mariage homosexuel et les menaces qu’il entraîne sur la filiation.

Au-delà des obligations normales qu’ont les autorités d’assurer la sécurité publique, le pouvoir politique  a tout fait pour tenter de discréditer le mouvement sortant ainsi de son rôle qui est de maintenir l’ordre public et les conditions d’un débat serein.

Faisant référence à l’attitude des forces de l’ordre lors de la manifestation du 24 mars 2013 à Paris M. Luca Volontè, ancien député italien et ancien Président du groupe PPE à l’Assemblée Parlementaire du Conseil de l’Europe (APCE) a saisi  le Comité des Ministres du Conseil de l’Europe. Il a notamment déclaré «  de nombreuses personnes dont de très jeunes enfants, des femmes et des personnes âgées ont été violentées et aspergées de gaz lacrymogène sans nécessité par les forces de l’ordre. ».

Récemment, c’est un étudiant de 23 ans qui a été condamné à deux mois de prison ferme pour sa participation à ce mouvement.

« La Fédération » tient à attirer l’attention des sections nationales de l’Union Paneuropéenne Internationale sur les enjeux pour la civilisation européenne soulevés à l’occasion de ces manifestations.

Plus généralement « La Fédération » invite les instances de l’Union Paneuropéenne Internationale à s’interroger sur la dérive, sous la pression d’Etats membres de l’UE, des décisions de justice rendues au nom de l’Europe qui semblent s’éloigner de plus en plus des valeurs prônées par les pères fondateurs de l’Europe pour s’inspirer de principes négateurs tant de la tradition européenne constante que des fondements anthropologiques communs  à tous ceux qui refusent le « meilleur des mondes »

Contact presse : Pôle Europe de « La Fédération » – 06 81 46 75 66 – jebesnard@yahoo.fr

Fondée en octobre 1944, La Fédération est le principal mouvement fédéraliste français. Elle a compté dans ses rangs François Mitterrand, Antoine Pinay, Jacques Chaban-Delmas, Jean Lecanuet, René Coty… Elle est actuellement présidée par Laurent Grégoire. Son secrétaire général est Joël Broquet. Elle est membre du Mouvement européen et de L’Union Paneuropéenne Internationale.

 

La Fédération

Mouvement Fédéraliste Français

lafederation@lafederation.fr

 

 

XVIII° Corso Università d’Estate di San Marino, “Identità e Memoria” – 19/20 luglio 2013

 

 

 

 

XVIII Corso – 19-20 luglio 2013

“IDENTITA’ E MEMORIA”

La ricostruzione della nuova Europa.
Dalle radici antiche al coraggio del futuro.

 


 

PROGRAMMA

19 Luglio 2013, ore 15,00
Saluti Istituzionali:
Prof. Pasquale Valentini, Segretario di Stato per gli Affari Esteri e Politici della Repubblica di San Marino.
Prof. Adolfo Morganti, Presentazione del Corso. Leggi il resto di questo articolo »

The Croatian EU accession – Strasburgo, 3 luglio 2013.

 

 

 

 

 

Liebe Kolleginnen und Kollegen,
Hiermit möchte ich Euch zur nächsten Sitzung der Paneuropäischen Arbeitsgruppe der EVP-Fraktion in
Straßburg einladen, am
Dienstag, 2. Juli 2013, um 17.30 Uhr im Saal LOW S.1-5
Wir freuen uns auf eine Diskussion anlässlich des kroatischen EU-Beitritts zur EU, zusammen mit den
neuen kroatischen Mitgliedern des Europäischen Parlaments

MdEP Zdravka BUŠIĆ (HDZ)
MdEP Ivana MALETIĆ (HDZ)
MdEP Andrej PLENKOVIĆ (HDZ)
MdEP Davor STIER (HDZ)
MdEP Dubravka ŠUICA (HDZ)

Leggi il resto di questo articolo »

Maria Stuarda: Mariella Devia conquista Firenze. di D. Del Nero (tratto dal sito Totalità.it)

Una curiosità: questo duetto tra le due dame sovrane contiene una sorta di record di “insulti” e reciproche offese quasi senza pari nel melodramma romantico…

Gran finale, solisti con coro e orchestra, della Maria Stuarda di Gaetano Donizetti: una voce s’impone e sovrasta tutti gli altri,  s’impone con uno splendido sovracuto finale che viene ripreso da una clamorosa ovazione.  Così Mariella Devia ha chiuso l’ottantesima stagione del Maggio Musicale Fiorentino.

C’è chi l’ha paragonata a Toti dal Monte. Mariella Devia si è dimostrata ancora una volta regina del belcanto;  nelle due recite – in forma di concerto – di giovedì 20 e domenica 23 giugno al Teatro del Maggio Musicale fiorentino  si è rivelata monarca assoluta. Se nella storia, oltre che nella tragedia di Schiller da cui un appena diciassettenne  Giuseppe Bardani trasse un non spregevole libretto per il compositore bergamasco, la regina di Scozia soccombe alla rivale Elisabetta, regina “bastarda” (in tutti … i sensi!) ma senz’altro più solida sul proprio trono, sulla scena la contesa ha avuto tutto un altro esito. L’Elisabetta del mezzosoprano Laura Polverelli era sicuramente ben impostata dal punto di vista tecnico ed efficace nel fraseggio, ma non poteva reggere il confronto con una voce che è riuscita veramente a evocare l’anima del personaggio. Nel formidabile duetto alla fine del primo atto, il Figlia impura di Bolena con cui la regina di Scozia, vinta ma non doma, si rivolge alla parente- rivale inglese conteneva sdegno, orgoglio ferito, desiderio di riscatto: c’era insomma davvero l’anima di una sovrana.  Se alcuni danno come caratteristica di questa grande cantante una cautela talvolta “eccessiva” nell’affrontare i propri personaggi (e tale critica, o osservazione, fu fatta anche in occasione dell’Anna Bolena che fu rappresentata sempre a Firenze nel marzo 2012), questa volta sembra che la Devia si sia veramente calata nel proprio ruolo senza riserve.     Leggi il resto di questo articolo »

A lição brasileira: sem metapolítica não se faz política. di A. Eugui

Uma pequena frase: “Ninguém sabe o que está acontecendo”. Desde o momento em que começaram os protestos na cidade de São Paulo muitos “iluminados” tiveram que reconhecer a sua própria ignorância política. De repente havia gente na rua protestando contra o aumento das tarifas no transporte público. Até aqui as coisas faziam sentido. Mas só até aqui. Os desdobramentos da situação não estavam em nenhum manual. Ora, a política não é o terreno da contingência?

Esta aparente surpresa é sintomática, revela algo que todos deveriam reconhecer: no Brasil há, mesmo entre os chamados intelectuais, um déficit do que poderíamos denominar “cultura política”. Os motivos deveriam ser estudados em profundidade, mas tomemos uma regularidade do fenômeno político na história brasileira.

As mudanças profundas na sociedade brasileira quase nunca contaram com a participação das ditas massas. Sempre se acomodaram as coisas a desde cima. Em outros países isto correu de maneira distinta. Houve, para utilizar uma expressão de Renzo De Felice, a “nacionalização das massas”, ou seja, a integração da grande maioria da população em correntes políticas bem definidas, como por exemplo no caso do peronismo na Argentina. No Brasil isto nunca aconteceu de maneira ostensiva, embora não tenham faltado tentativas. Pouca gente sabe mas o primeiro partido de massas no Brasil foi a AIB de Plínio Salgado. Vargas e a elite política da época simplesmente eliminaram o integralismo da cena política brasileira, e as coisas voltaram a ser decididas num gabinete qualquer, mas não na rua e com a participação popular. O trabalhismo de Vargas tampouco conseguiu se encarnar de maneira coerente entre as massas. As tentativas de reivindicar a herança do legado de Vargas sempre foram pífias. Mas os exemplos históricos param por aqui. Não é o nosso foco principal. No entanto fica a lição de que as demonstrações populares sempre causam espanto no Brasil. Leggi il resto di questo articolo »

“…ma non potranno ingannare tutti per sempre” (A. Lincoln). Padova – 6 luglio 2013

 

 

 

 

 

L’Associazione Culturale Identità Europea e l’Associazione Culturale Identità vi invitano all’incontro

 

 

“…MA NON POTRETE INGANNARE TUTTI PER SEMPRE”

(A. Lincoln)

 

 


 

Luigi Copertino

 

La tomba dell’Europa?

Una guida per i perplessi nella crisi finanziaria globale.

 

SABATO 6 LUGLIO 2013 – ORE 18.00

PADOVA – CORTE DEI LEONI, VIA BOCCALERIE 8

 

INGRESSO LIBERO

DOPO LA PRESENTAZIONE SEGUIRÀ UN RINFRESCO; CHI DESIDERASSE PARTECIPARE E’ INVITATO A DARE CONFERMA ENTRO DOMENICA 30 GIUGNO AGLI INDIRIZZI:

segreteria@identitaeuropea.it
nicolo_dg@libero.it


COSTO APERITIVO: 6 €
COSTO APERITIVO + LIBRO: 10 €


Leggi il resto di questo articolo »

“Libertà” e “libertà”. di F. M. Agnoli

Si avvicina il momento in cui il Consiglio d’Europa dovrà pronunciarsi sul reclamo proposto al Comitato europeo dei Diritti sociali dalla Ggil contro la norma della legge 194 (“Interruzione volontaria della gravidanza”) che consente ai medici che non vogliono praticare aborti di sollevare obiezione di coscienza.

Dal momento che i medici sono lavoratori ed in grandissima maggioranza dipendenti pubblici, a prima vista è difficile capire perché un sindacato dei lavoratori voglia eliminare quello che è comunque un diritto riconosciuto dalla legge ai lavoratori. Se lo debbono essere chiesti con qualche imbarazzo anche i dirigenti del sindacato, che, difatti, hanno scelto di presentare il reclamo senza battere, come solitamente fanno, la grancassa, e hanno abborracciato una specie di giustificazione di natura lavorativa fondata sull’affermazione che, a causa del gran numero di obiettori, l’obiezione di coscienza mette a rischio, oltre che l’immancabile salute delle donne che vogliono abortire, il diritto dei medici non obiettori a lavorare “in condizioni eque, dignitose e sicure”. Insomma un chiaro esempio di quello che era un tempo il tipico sistema padronale per dividere i lavoratori, metterli gli uni contro gli altri e fare i propri interessi. Ovviamente l’eventuale accoglimento del reclamo comporterebbe il licenziamento dei medici obiettori o, quanto meno, la loro discriminazione nei bandi di concorso per l’assunzione negli ospedali pubblici. Insomma non si può dire che la CGIL si stia attenendo ai suoi compiti istituzionali di sindacato dei lavoratori. Ma non c’è da stupirsi. Da molto tempo la CGIL si è lasciata alle spalle il sindacato e si muove come un soggetto politico attento assai più alla libertà d’aborto e alla trasformazione della società in senso radical-libertario che ai diritti dei lavoratori. Leggi il resto di questo articolo »

“La Tomba dell’Europa? Una Guida per i perplessi nella crisi finanziaria globale.” Busto Arsizio (VA), 29 giugno 2013

 

 

 

L’Associazione Culturale Identità Europea in collaborazione con la Comunità Giovanile di Busto Arsizio

presenta


LA TOMBA DELL’EUROPA?


Una Guida per i perplessi nella crisi finanziaria globale

di

Luigi Copertino

 

Sabato 29 giugno 2013, ore 17.30

Colonia Elioterapica – Via Contardo Ferrini, Busto Arsizio (VA)


Con il patrocinio del

COMUNE DI BUSTO ARSIZIO

Bernabei: Italia, il miracolo ucciso dalle lobby. intervista a E. Barnabei (tratto da Avvenire.it)

Amintore Fanfani

«Non ho inteso e non intendo fare lo storico». La premessa di Ettore Bernabei è dettata da umiltà, ma anche da consapevolezza: «Non ne ho né la preparazione scientifica né la mentalità filologica». Ma quando parli con lui ti accorgi subito di avere davanti un fiume in piena. Un uomo che nonostante gli anni, ottimamente portati, ha il vivo desiderio di ricordare le ragioni dei fasti del boom economico e, di conseguenza, i motivi per cui da quel momento in poi l’Italia ha inanellato una serie di disavventure e vere e proprie sventure politiche, sociali ed economiche. Argomentazione utilizzate ampiamente nel libro intervista con Pippo Corigliano Italia del “miracolo” e del futuro.

E qui vale per intero la premessa: quello di Bernabei non è il racconto di uno storico, ma è un racconto di vita che nasce dall’esperienza di giornalista e manager di primissimo livello; che attinge, come lui stesso tiene a sottolineare, alle frequentazioni e alle confidenze di personaggi come Giovanni Battista Montini, Giovanni Benelli, Agostino Casaroli, per cominciare con gli ecclesiastici; Giorgio La Pira, Alcide De Gasperi, Amintore Fanfani, Aldo Moro, Palmiro Togliatti, Giorgio Almirante, Bettino Craxi, Giovanni Malagodi, per concludere con i politici. Ma soprattutto che è animato dal desiderio di «ricordare ai cattolici di questo Paese come siano stati capaci di portarlo in pochi anni al boom economico e al quarto posto fra le economie più industrializzate, senza sposare le logiche economiche del liberismo, con un sano connubio fra contributo pubblico e impegno privato».

Perché questa annotazione specifica sui cattolici?
«Perché i cattolici hanno dimenticato quello di cui sono stati capaci in quegli anni, proprio grazie all’applicazione in politica economica delle logiche sottese alla dottrina sociale della Chiesa. Perché i cattolici sono stati travolti da una certa propaganda “anticattolica” costruita a tavolino e hanno finito per crederci, smettendo di fare politica. Non si può più continuare a fare da supporto alla destra o alla sinistra. I cattolici devono tornare a fare politica in prima persona portando avanti i valori della fede». Leggi il resto di questo articolo »

Europa: Comanda la tecnocrazia! Intervista al prof. J. Habermas (tratto da “La Croix” e “Avvenire”)

Pubblichiamo la recente intervista al prof. Habermas

HABERMAS: “La politica neo-liberale, che ha provocato la crisi e che finora continua a essere seguita per le scelte fondamentali, crea dei vincitori e dei perdenti in ogni nazione. La tecnocrazia europea imporrà un brutale consolidamento dei bilanci nazionali”.

Nato nel 1929, Jürgen Habermas ha insegnato filosofia e sociologia a Heidelberg e Francoforte. Dal 1971 al 1983 ha diretto il Max Planck Institut. Considerato uno dei massimi rappresentanti della seconda generazione della «Scuola di Francoforte», ha preso parte a tutti i grandi dibattiti intellettuali in Germania e si è pronunciato su molti eventi socio-politici e storici, in virtù della sua responsabilità di filosofo. Europeista convinto, ha dichiarato in più sedi il suo entusiasmo per l’Europa. Nel recente Questa Europa è in crisi (Laterza) si preoccupa vedendo l’Europa imboccare una strada «post-democratica» e «burocratica» per regolare i suoi crescenti problemi economici; mentre solo avviandosi verso più Europa e più democrazia il vecchio continente si scriverà un futuro.

Professor Habermas, come reagisce all’euroscetticismo, che si è espresso nelle urne italiane e che sembra oggi assai diffuso in Ungheria e in Francia, in Gran Bretagna, in Grecia e a Cipro?
«Non in tutti questi Paesi l’euroscetticismo ha le medesime cause. Il nazionalismo e l’antisemitismo ufficiali del governo in Ungheria vanno ben oltre il livello tollerabile nell’Unione europea. La Gran Bretagna, a causa del suo stretto legame con gli Stati Uniti, si è sempre tenuta a distanza dal continente. La Grecia e Cipro formano, per altri motivi, casi particolari tra le nazioni del Sud Europa duramente toccate dalla crisi del debito. Però lei ha ragione: la crisi del debito sovrano scatenata dalla crisi bancaria ha molto rinforzato il clima di scetticismo nei confronti dell’Europa in tutti i Paesi dell’Eurozona. Persino in Germania si presenta alle elezioni un partito che spinge per l’uscita dall’Unione monetaria europea. Leggi il resto di questo articolo »

LA DEMOCRAZIA SOVRANA DI PUTIN. UN MODELLO POLITICO PER I PAESI DELL'UNIONE EUROPEA. di Borgognone Paolo*

Vladimir Vladimirovic Putin, presidente della Federazione russa, è attualmente il politico [...]

SANTA MARTA: “QUELLA PERSECUZIONE ‘EDUCATA’ TRAVESTITA DI MODERNITA' E PROGRESSO”.*

Nella Messa mattutina, il Papa afferma che “le persecuzioni sono pane quotidiano della Chiesa”[...]

SUL PARTITO CATTOLICO. di Francesco Mario Agnoli

Lo riferisce La Croce quotidiana.it., adesso c’è anche un programma, ispirato alla Dottrina soci[...]

LA LEZIONE DI BRUXELLES. di Adolfo Morganti.

A botta calda e fumi ancora in aria. Mentre i canali radio bollono di analisi approssimative e di [...]

CULTURA E POLITICA NEL MONDO MUSULMANO DI OGGI. di Franco Cardini

Altro che “aureo libretto”, come si sarebbe detto una volta. Il libro che vi consiglio di legg[...]

 
giugno: 2013
L M M G V S D
« mag   lug »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930