News

Seminari e Convegni

XXII° CORSO UNIVERSITA’ D’ESTATE DI SAN MARINO. 21-22 LUGLIO 2017

XXII Corso – 21-22 luglio 2017.

San Marino Città – Repubblica di San Marino (RSM)

Sala SUMS – Via Piana 1, San Marino Città

Identità e memoria”:

Ricucire la Speranza.

Il dialogo interculturale e interreligioso nello spazio euro-mediterraneo.

Il ruolo dell’Europa e dei Piccoli Stati.

Presentazione

 

Giunta nel 2017 al proprio 22° anno di vita, l’Università d’Estate della Repubblica di San Marino, i cui Corsi annuali sono stabilmente dedicati alle diverse problematiche sollevate dal processo di integrazione europea, ha oramai acquisito uno status organizzativo ed un livello culturale di livello internazionale, tale da farne un rilevante appuntamento di approfondimento durante il periodo estivo per studenti, ricercatori, operatori culturali e del mondo della scuola di tutto il continente.

Ad ogni Corso l’Università d’Estate della Repubblica di San Marino ha ospitato un numero crescente di Docenti ospiti proveniente da differenti paesi europei, in modo da arricchirsi sempre più dell’apporto delle diverse comunità scientifiche del continente (fino ad oggi i Docenti Ospiti hanno rappresentato le seguenti 18 nazioni europee: Finlandia, Svezia, Spagna, Portogallo, Andorra, Italia, Repubblica di San Marino, Malta, Francia, Germania, Austria, Repubblica Ceca, Slovenia, Croazia, Romania, Bulgaria, Ucraina, Città del Vaticano, accanto a rappresentanti del mondo accademico da nazioni extraeuropee come Giappone, Cile e Stati Uniti d’America).

Parallelamente, dal 2005 l’Università d’Estate della Repubblica di San Marino riserva agli Studenti sammarinesi interessati n°20 accessi gratuiti al Corso, e mette a disposizione degli Studenti universitari, giovani Diplomatici e Ricercatori europei non sammarinesi n°20 Borse di Studio che consentono la partecipazione gratuita al Corso, facendosi quindi integralmente carico delle relative spese di vitto ed alloggio presso le strutture alberghiere della Repubblica.

 

PROGRAMMA

21 Luglio 2016 ore 15.30

Apertura dei Lavori – Saluti Istituzionali. Leggi il resto di questo articolo »

Presentazione del testo “La Pittura sacra del Tibet” di G. Tucci. Rimini, 30 giugno 2017.

 

EUROPA, RADICI, TRADIZIONE. Padova, 17 giugno, ore 17.00

 

“SHÍ ZHÌ” – Curare con i cibi. Padova, 23 giugno 2017.

“Ricostruire la via del pellegrino. Da Rimini verso Assisi e Roma”. Saludecio (RN) 20 maggio 2017

Tolkien e l’Italia. Badia Polesine (Ro), 12 maggio 2017

TOLKIEN E L’ITALIA. PADOVA, 12 MAGGIO 2017

CATTOLICI E INTEGRAZIONE EUROPEA. Di Ugo Baglivo

Continua il ciclo di conferenze sulla “identità europea”, voluto dal Centro Cult. S. Nicolò in collaborazione con l’Associazione “Identità Europea”: una associazione che ha posto nel nome stesso il proprio programma di  cultura e d’azione. Ieri, 26 aprile, in Sala Ticozzi a Lecco, la seconda serata del ciclo: ospite d’eccezione l’Arcivescovo mons. Luigi Negri, d’origine milanese, impegnato culturalmente nel movimento di don Giussani prima e poi come vescovo in Emilia-Romagna (a San Marino dal 2005 al 2012, e poi a Ferrara-Comacchio dal 2012 al 2017).

A presentare l’arcivescovo al pubblico si sono alternati mons. Franco Cecchin (prevosto di Lecco e responsabile religioso del Centro Cult. S. Nicolò) e il dott. Adolfo Morganti (presidente dell’associazione “Identità Europea” che ha sede a Rimini). In prima fila, in platea, i responsabili operativi lecchesi dei due sodalizi: Luigi Pedrone per “Identità Europea”, e Ugo Baglivo per il C.C. “S. Nicolò”, entrambi chiamati al tavolo per testimoniare la collaborazione nell’organizzazione dell’evento.

Era presente in sala, appositamente venuta a Lecco per omaggiare l’illustre ospite, l’assessore regionale Cristina Cappellini: con il suo intervento d’inizio ella imposta subito il discorso sull’Europa come nata da radici cristiane, e come storia di armonizzazione tra varie identità nazionali, unite da una cultura comune. Anche l’avvio di Adolfo Morganti sottolinea il principio di sussidiarietà che ispira l’unità europea fin dalle origini: Morganti si richiama alla testimonianza del beato principe Carlo d’Asburgo, secondo cui la sussidiarietà va concepita come movimento dal basso verso l’alto, dal popolo verso le autorità, e non nel senso contrario.

Così si apre il discorso sull’attualità: oggi l’Europa è in crisi, come sentimento operativo prima che come accordo tra le politiche delle varie nazioni, perché spesso viene meno il principio di sussidiarietà. E che posto hanno i Cattolici nel volere un’armonia europea tra le diversità nazionali? Ecco l’introduzione all’intervento del vescovo Negri. Leggi il resto di questo articolo »

1809. L’INSORGENZA VENETA. PADOVA, 6 MAGGIO 2017.

“La Giustizia può essere giusta”. Macerata, 28 aprile 2017

LA DEMOCRAZIA SOVRANA DI PUTIN. UN MODELLO POLITICO PER I PAESI DELL'UNIONE EUROPEA. di Borgognone Paolo*

Vladimir Vladimirovic Putin, presidente della Federazione russa, è attualmente il politico [...]

SANTA MARTA: “QUELLA PERSECUZIONE ‘EDUCATA’ TRAVESTITA DI MODERNITA' E PROGRESSO”.*

Nella Messa mattutina, il Papa afferma che “le persecuzioni sono pane quotidiano della Chiesa”[...]

SUL PARTITO CATTOLICO. di Francesco Mario Agnoli

Lo riferisce La Croce quotidiana.it., adesso c’è anche un programma, ispirato alla Dottrina soci[...]

LA LEZIONE DI BRUXELLES. di Adolfo Morganti.

A botta calda e fumi ancora in aria. Mentre i canali radio bollono di analisi approssimative e di [...]

CULTURA E POLITICA NEL MONDO MUSULMANO DI OGGI. di Franco Cardini

Altro che “aureo libretto”, come si sarebbe detto una volta. Il libro che vi consiglio di legg[...]

 
luglio: 2017
L M M G V S D
« giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31